psicologia bambini

 

In questo racconto ho cercato come psicologa di mettermi dalla parte dei bambini cercando di rispondere alle domande dei genitori partendo proprio dal punto di vista dei più piccoli: sono loro infatti a darci le risposte che troppe volte noi adulti non sappiamo cogliere dentro di noi. Troppo spesso però ci scordiamo di osservarli e metterci al loro fianco.  I bambini sono i protagonisti delle nostre attenzioni genitoriali e farli parlare in prima persona può ribaltare il nostro modo adulto e rigido di osservarli. Nel mio studio di psicologia tante volte i genitori mi chiedono cosa fare in certe situazioni, chiedono una ricetta valida per poter gestire meglio le situazioni in cui rabbia e paura prendono il sopravvento. Ogni volta nel rispondere loro io mi chiedo cosa direbbe quel bambino ai loro genitori: da qui nascono questi brevi scritti sui bambini. Credo fermamente che imparare ad osservare i bambini sia il primo passo per far chiarezza dentro di noi: osservandoli e ascoltandoli potremo trovare tutte le risposte ai nostri interrogativi e venire incontro alle nostre ansie e preoccupazioni adulte.

 

QUANDO FACCIO I CAPRICCI:

I miei genitori, i nonni, gli amici dei miei genitori li chiamano capricci! Questa parola non mi piace. Non faccio capricci, esprimo qualcosa che ho dentro e che mi prende all’improvviso e a volte non so proprio capire!!! Per questo vi spiego cosa mi succede quando mi metto a piangere e a volte a strillare…. quando i miei genitori si innervosiscono e se siamo fuori casa quanto si vergognano….. ma tante volte non c’è alcun altro modo per RICHIEDERE LA LORO ATTENZIONE.  A volte ho PAURA, ho dei BISOGNI ma sembra che i miei non capiscano ciò che voglio o chiedo e allora mi impunto su qualcosa!!! Mamma e papà mi vogliono bene ma tante volte non capiscono i miei bisogni e io mi arrabbio, mi impaurisco, comincio a sbraitare e esplodo nel pianto o negli urli: una volta che ho cominciato non riesco a fermarmi e mi ci vuole un po’ per calmarmi. Dopo mi sento svuotato e va un po’ meglio ma mamma e papà a volte sono ancora accigliati e ho tanta paura che ce l’abbiano con me…

Altre volte invece fare i capricci mi fa ottenere velocemente quello per cui mi lamento e allora imparo a farlo più spesso, tanto so che la mamma o il papà cederanno velocemente pur di non vergognarsi o sentirmi lamentare. Loro spesso stanno così poco con me che quando chiedo una macchinina o un leccalecca colorato dopo il primo no cedono… basta sbattere un po’ i piedi. Oramai ho imparato a conoscerli.

Altre volte sono così “persi” nelle loro cose o “presi” dai litigi tra loro che non devo combattere più di tanto e al primo “voglio…” pur di non avere problemi, mi concedono ogni cosa… e sono contento…. sì, lì per lì sono contento …. dopo mi sento così solo e nessuna merendina al mondo può riempirmi tanto come ciò che sento quando la mamma viene in cameretta e rimboccandomi le coperte mi racconta una storia: scopro subito che l’ha appena inventata e poi si scorderà i particolari ma non dico nulla, perché proprio per quello è ancora più bella: è pensata solo per me!

Per cui  mamma e papà vi do dei consigli:

quando mi lamento cercate di capire cosa è successo: a volte mi sento solo, altre sono stanco dei vostri impegni o delle vostre litigate. Altre volte mi impedite di fare le cose da solo e di diventare grande e io reagisco con urli e capricci. Anche io ho dei sentimenti e ho bisogno di essere ascoltato da voi e di raccontarvi ciò che mi succede. Spesso neppure io so ben capire cosa mi succede dentro e urlare o farvi arrabbiare è l’unica cosa che riesco a fare l’unica che riesco a fare: mettiamoci sul mio lettino e insegnatemi a trovare una soluzione per capire la mia emozione e gestirla meglio.

Non alzate le mani su di me: so che siete più forti e finirò solo per avere ancora più paura di voi, mentre dentro la rabbia si rafforza.

Ah l’ultima cosa non fate finta di nulla: questo mi fa arrabbiare ancora di più, mi sento non capito e ahimè la prossima volta urlerò ancor più forte haaaaaaahahaaaaaaaaaaaaaaaaa!!!!!!

Lascia una risposta

Your email address will not be published.

*